DermaSilk nella Candidosi Vulvovaginale Ricorrente

Lo studio "Uso del tessuto DermaSilk® nella candidosi vulvovaginale ricorrente: sicurezza ed efficacia" - pubblicato nel 2012 sulla rivista scientifica Mycoses - ha valutato l'efficacia dell'intimo DermaSilk® nel trattamento delle Candidosi Vulvovaginali Ricorrenti che non rispondono completamente alla terapia antimicotica standard con fluconazolo.

Le 96 pazienti coinvolte nello studio sono state suddivise in due gruppi: metà hanno indossato intimo DermaSilk e l'altra metà intimo in puro cotone. Tutte hanno proseguito la terapia antimicotica standard per l'intero periodo di osservazione (6 mesi). In tutte le fasi dello studio, le pazienti del gruppo DermaSilk hanno riportato un miglioramento molto più marcato e progressivo rispetto a quelle del gruppo cotone per quanto riguarda: prurito, bruciore, eritema, irritazione vulvare ed edema.
I miglioramenti in chi ha utilizzato DermaSilk sono proseguiti per l'intera durata dello studio, mentre nelle pazienti che indossavano l'intimo in cotone si sono interrotti dopo 3 mesi.
Lo studio ha inoltre dimostrato che l'utilizzo dell'intimo DermaSilk, rispetto a quello in cotone, contribuisce a ridurre il numero di ricadute.

La maggior parte delle pazienti del gruppo DermaSilk (66,7%) non hanno avuto nessuna o solo una ricaduta.
La maggior parte delle pazienti del gruppo Cotone (60,5%) hanno avuto 2 o più ricadute.

L'articolo Uso del tessuto DermaSilk® nella candidosi vulvovaginale ricorrente: sicurezza ed efficacia è scaricabile in versione pdf.

Pubblicato da

in data Categoria: Problemi intimi