Leucorrea micotica

La leucorrea micotica è una tipologia di leucorrea che compare in presenza di una sovrainfezione micotica e che non va confusa con la leucorrea fisiologica il cui compito è di garantire il buon funzionamento dell’apparato genitale anche attraverso la lubrificazione. Infatti la leucorrea fisiologica è presente in tutte le fasi ormonali importanti della donna, per questo si parla di:

  • Leucorrea adolescenziale; leucorrea cause
  • Leucorrea premestruale o ovulatoria;
  • Leucorrea post mestruale;
  • Leucorrea in gravidanza (gravidica);
  • Leucorrea in menopausa;
  • Leucorrea correlata all’assunzione della pillola anticoncezionale. 


Cause della leucorrea micotica 

Come precedentemente detto, possiamo intendere la leucorrea micotica come un sintomo di una vulvovaginite micotica. Quest’ultima è causata da miceti appartenenti al genere “Candida” nella quasi totalità dei casi (si parla del 90%) e in questa famiglia troviamo numerose specie come Albicans, Tropicalis, Glabrata, Rugosa, Pseudotropicalis, Krusei, Lusitaniae e Parapsilopsis. Il maggior riscontro clinico lo hanno comunque la Candida Albicans (85-95%) e la Candida Glabrata (10-15%).
Il rapporto tra la Candida Albicans e la Candida Glabrata è fortemente influenzato dal ruolo degli estrogeni che promuovono la crescita della specie Albicans facendo passare il rapporto da 10:1 nell’età fertile a 3:1 in menopausa.


Caratteristiche della leucorrea micotica

La leucorrea micotica ha delle caratteristiche tipiche presentandosi come una secrezione abbondante, di colore bianco-grigiastra, con una consistenza densa e il tipico aspetto a “grani dei ricotta” ed inodore.
Spesso è accompagnata da altri sintomi che caratterizzano l’infezione da Candida:

  • Prurito: forse il sintomo più predominante e accentuato particolarmente nel periodo premestruale o dal rapporto sessuale;
  • Bruciore vaginale e vulvare spesso accompagnato anche da doloredispareunia e disuria;
  • Fissurazioni vulvari e edema, a volte causate dal grattamento.


Utili consigli per contrastare la leucorrea micotica

Come abbiamo visto la leucorrea micotica si manifesta come sintomo di una vulvovaginite da Candida che può essere causata da fattori ormonali non modificabili o come conseguenza di terapie antibiotiche che alterano la normale microflora vaginale o, ancora, in situazione di deboli difese immunitarie o di stress.  Tra i fattori predisponenti vi sono inoltre i fattori immunitari, quelli endocrini, il diabete e la sindrome metabolica, ma anche un regime alimentare sbilanciato (eccesso di zuccheri semplici e di lieviti), stili di vita non appropriati come l’uso di biancheria intima sintetica, salvaslip (da limitare alla fase mestruale), pantaloni troppo aderenti o collant. L'uso di abbigliamento inappropriato causa un aumento della temperatura e dell'umidità dell'area genitale creando così un microclima ideale per la proliferazione di microrganismi.

L’importanza e la validità dell’intimo in fibroina di seta DermaSilk
leucorrea micotica

Un valido aiuto per combattere le vulvovaginiti micotiche e la loro sintomatologia arriva dall’intimo in fibroina di seta medicata DermaSilk. Infatti studi clinici ne dimostrano l’efficacia sia nelle Candidosi Vulvovaginali Ricorrenti sia in altre patologie vulvari come Lichen Scleroso, Lichen Simplex e Vulviti Infiammatorie.


Grazie alle sue caratteristiche l’intimo DermaSilk:
-    È in grado di ridurre prurito, eritema, bruciore vaginale e vulvare e dolore in tempi brevi;
-    Aiuta a prevenire e contrastare le infezioni, controllando/inibendo la crescita di batteri, funghi e lieviti sul tessuto;
-    Promuove la sintesi del collagene e la rigenerazione tissutale;
-    Consente un’elevata traspirazione e mantiene il giusto livello di umidità e temperatura;
-    Rispetta l’ecosistema vulvovaginale ed il pH della mucosa;
-    Assorbe le piccole perdite controllandone i cattivi odori.

 


Per approfondire l’utilità dell’intimo DermaSilk nelle candidosi guarda il video.

 

Le informazioni presenti in questo sito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del medico.