Il Coprimaterasso Antiacaro: Come Funziona?

Gli acari della polvere sono una delle cause più comuni di allergia respiratoria nell’uomo. Sempre più diffusi nelle moderne abitazioni, causano delle reazioni allergiche che si manifestano con disturbi cutanei e respiratori.

La soluzione più efficace e immediata in questa situazione è quella di utilizzare un coprimaterasso antiacaro, che funziona come barriera tra la persona e gli allergeni responsabili dei sintomi dell’allergia. Infatti, l’allergia è dovuta alle particelle fecali degli acari della polvere, e non a morsi o punture come molte persone erroneamente pensano. Questi microscopici escrementi emessi dagli acari vengono definiti allergeni e devono essere evitati dalla persona allergica: l’allergia è, infatti, la reazione dell’organismo al contatto con l’allergene.

In questo articolo vedremo quindi il funzionamento del coprimaterasso antiacaro e in che modo esso riesce a bloccare il passaggio degli acari determinando, di conseguenza, la regressione dei sintomi dell’allergia e il miglioramento della qualità della vita della persona allergica.

Perché è inutile acquistare un materasso antiacaro

Prima di addentrarci nella spiegazione di come funziona il coprimaterasso antiacaro, occorre sfatare un mito tanto falso quanto diffuso: l’esistenza del materasso antiacaro. Perché è falso?

Spesso vengono proposti dei messaggi promozionali in cui si parla di materasso antiacaro: ma il materasso antiacaro non esiste, perché l’acaro riesce a vivere e colonizzare tutte le tipologie di materasso, anche quelli in memory, in lattice o in gomma. A causa di questi messaggi errati l’allergico rischia di acquistare inutilmente presunti materassi antiacaro a prezzi elevati, sprecando denaro.

Per chi soffre di allergia agli acari della polvere, la prima e fondamentale azione da fare è quella di utilizzare coperture per materassi antiacaro certificate a trama molto fitta. Chiarito questo aspetto si tratta di capire come scegliere il miglior coprimaterasso antiacaro e dove comprarlo.

In definitiva, possono svolgere la funzione di barriera antiacaro solamente i coprimaterasso, i copricuscini e i copripiumoni, mentre il materasso antiacaro non esiste.

Come agisce il coprimaterasso antiacaro

L’efficacia del coprimaterasso antiacaro è data dallo speciale tessuto con cui è realizzato: deve essere un tessuto a trama molto fitta, perché solo in questo modo può bloccare il passaggio degli allergeni dell’acaro responsabili dell’allergia.

Come accennato all’inizio, l’allergia all’acaro non è data da punture o morsi di questi piccoli insetti, bensì dai loro microscopici escrementi che si accumulano in grande quantità nel materasso, nei cuscini e nei piumoni. In assenza di una corretta profilassi antiacaro e bonifica ambientale, una persona si trova a dormire in un letto colonizzato dagli acari della polvere e dai loro allergeni.

Questi rifiuti organici – fortunatamente impercettibili all’olfatto - misurano dai 10 ai 30 micron. Una misura infinitesimale eppure piuttosto rilevante se comparata ad altre entità presenti in natura.

Fonte: https://petroclear.com/academy/four-things-to-know-about-microns-that-can-change-your-fuel-filtration-game/

Durante il sonno, il peso e i movimenti del corpo sul letto riescono a sollevare gli allergeni quel tanto che basta perché riescano ad entrare a contatto con la persona attraverso le vie respiratorie, scatenando i sintomi che ben conosciamo: naso che cola, starnuti a ripetizione, tosse notturna.

Essendo quindi il materasso il principale ricettacolo di acari e dei loro allergeni, è necessario porre una barriera tra esso e la persona tanto fitta da impedire il passaggio dei microscopici allergeni e capace di avvolgere completamente il materasso (per questo le migliori coperture antiacaro sono a sacco e non a cuffia). Il coprimaterasso antiacaro non uccide gli acari, ma impedisce il passaggio dei loro allergeni - veri responsabili dell’allergia nei soggetti sensibili - dal materasso alla persona. Ecco spiegato come funziona il coprimaterasso antiacaro!

Perché scegliere solo coprimaterassi antiacaro certificati

A questo punto è chiaro che il fattore centrale nell’efficacia di un coprimaterasso antiacaro è il tessuto utilizzato.

Oltre ad avere una trama sufficientemente fitta da impedire il passaggio degli allergeni, deve anche essere traspirante per garantire il giusto comfort, dermatologicamente sicuro e facilmente igienizzabile.

Proprio perché deve essere garantita la funzione di barriera antiacaro per persone affette da una patologia, un requisito basilare è la classificazione come Dispositivo Medico (DM) registrato presso il Ministero della Salute e conforme al Regolamento (UE) 2017/745 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 Aprile 2017, e la marcatura CE, che identifica un insieme di pratiche obbligatorie per tutti i prodotti per i quali esiste una direttiva comunitaria, ed include anche l'applicazione del simbolo con le lettere "CE" sul prodotto oggetto di marcatura.

Esistono poi altri sistemi di test e certificazioni che attestano il raggiungimento di determinati standard qualitativi, come lo standard Oeko-tex 100 che certifica l’assenza di sostanze dannose e l’idoneità del prodotto al contatto con la pelle. Il possesso di altre certificazioni è una conferma e una ulteriore garanzia di qualità per il consumatore che vuole effettuare l’acquisto.

Scegliere solo coprimaterasso antiacaro certificati è quindi essenziale per chi soffre di allergia agli acari della polvere, perché solo così si ha la garanzia di un prodotto veramente funzionale dal punto di vista medico, in grado di svolgere correttamente la funzione di barriera antiacaro.

Per questo Alpretec produce e commercializza da oltre 20 anni le coperture antiacaro certificate Microair® Pristine Zero.

Coperture antiacaro certificate Microair® Pristine

Le coperture antiacaro Alpretec sono Dispositivo Medico classe I – CE pertanto detraibili dalla dichiarazione dei redditi grazie alla Dichiarazione di Conformità e alla ricevuta fiscale che le accompagna.

Inoltre, l'efficacia del tessuto Microair® Pristine è garantita da numerosi test e prove di laboratorio:

  • Test realizzati presso l’IBT Laboratories - KS – Specializing in molecular & cellular immunology, le Università della Virginia e della Florida dimostrano che Pristine® blocca oltre il 99,87% degli allergeni dell’acaro comunemente presenti nei letti.
  • Il marchio OEKO-TEX Standard 100 certifica l’assenza di sostanze dannose e l’idoneità del prodotto al contatto con la pelle.
  • Il trattamento antimicrobico permanente contro funghi e muffe delle coperture antiacaro Microair® Pristine Zero è approvato dall’EPA statunitense– Environmental Protection Agengy. La protezione antimicrobica è un valore aggiunto davvero importante perché nei materassi e nei cuscini non proliferano solo gli acari ma anche svariate specie di funghi e muffe che, oltre a costituire un problema di igiene, possono essere irritanti per le vie respiratorie, peggiorare i sintomi allergici ed essere essi stessi causa di allergia e asma.
  • ll tessuto antiacaro Pristine® è l’unico ad aver ottenuto il Brevetto(Patent n. US 6,277,770 B1). Infatti, è il solo tessuto antiacaro ad essere stato progettato appositamente per questo scopo.

A testimonianza della qualità dei prodotti Alpretec il coprimaterasso antiacaro Microair® Pristine Zero ha ricevuto opinioni molto positive: oltre il 98% delle recensioni dei clienti esprime il giudizio “eccezionale”.

Scopri i coprimaterassi antiacaro certificati Alpretec Microair® Pristine Zero

Cura e manutenzione del coprimaterasso antiacaro

Come tutta la biancheria da letto, anche i coprimaterassi antiacaro vanno lavati periodicamente. Per eliminare gli acari è importante che la temperatura di lavaggio sia superiore ai 55°, perché solo sopra tale temperatura gli acari muoiono.

Le coperture antiacaro certificate Microair® Pristine Zero sono lavabili in lavatrice a 60-90° C con qualsiasi detersivo, compresa la candeggina; inoltre, possono essere centrifugate e asciugate nell'asciugatrice. Non è necessario lavarle spesso, la frequenza consigliata è di un lavaggio ogni 4-6 mesi. In questo modo si ha la certezza di mantenere pulita la copertura. Per quanto riguarda la pulizia settimanale al cambio delle lenzuola, è sufficiente passare ogni settimana un panno umido ben strizzato sulla superficie superiore della copertura.

Protezione e comfort anche per i non allergici

Per l’allergico è necessario rivestire i letti della propria camera con coperture antiacaro certificate, ma l’uso della copertura antiacaro è molto utile anche per chiunque voglia dormire in un letto pulito e salubre. Utilizzare copricuscino, coprimaterasso e copripiumone antiacaro migliora la qualità del riposo e assicura il sonno in un letto igienizzato.

Infine, segnaliamo che l’uso delle coperture antiacaro migliora il benessere anche di chi soffre di dermatite Atopica. E’, infatti, un dato ormai confermato dagli studi quello della correlazione tra allergia agli acari della polvere e reazioni cutanee. Se la pelle di questi pazienti entra in contatto con gli allergeni dell’acaro la reazione allergica si manifesta con la DA.

Scegliere coprimaterassi, copricuscini e copripiumoni antiacaro è quindi fondamentale non solo per curare l’allergia all’acaro della polvere, ma anche per avere una migliore qualità globale della vita.