Lichen simplex chronicus

Il lichen simplex chronicus (LSC) è una dermatosi cronica infiammatoria, caratterizzata da intenso prurito che innesca grattamento prolungato con conseguente ispessimento della cute. Il circolo vizioso prurito – grattamento che si crea non è la causa del lichen simplex chronicus bensì una conseguenza. Nei casi in cui questo sintomo si presenta fin dall'origine della malattia si parla di prurito essenziale.

LICHEN SIMPLEX CHRONICUS: CAUSE E FATTORI PREDISPONENTI
Il lichen simplex chronicus può manifestarsi in seguito ad altre dermatosi, oppure a stress e tensioni emotivi. Il lichen simplex chronicus si manifesta indifferentemente in adulti e bambini, con una incidenza leggermente maggiore nelle donne.

LICHEN SIMPLEX CHRONICUS: SINTOMI
I sintomi con cui si manifesta il lichen simplex chronicus sono prurito intenso, chiazze con papule e accentuazione dei solchi cutanei. La sensazione di prurito va aumentando nelle ore serali, come avviene di sovente per le problematiche dermatologiche. Le zone più colpite sono nuca, braccia e gambe, ma anche altri distretti cutaneii possono esserne colpiti.

LICHEN SIMPLEX CHRONICUS: L'IMPORTANZA DELL'ABBIGLIAMENTO
Uno studio della clinica dermatologica di Ferrara, pubblicato sulla rivista scientifica Menopause Vol. 22, No. 8, di gennaio 2015, dimostra che l'utilizzo di slip Dermasilk riduce i sintomi di prurito, bruciore e dolore in pazienti con lichen simplex cronicus vulvare.

I grafici rappresentano i risultati dello studio: ATP = Active Treatment Phase (durata 1 settimana), MP = Maintenance Phase (durata 4 settimane).

Il trattamento iniziale del lichen simplex chronicus, dura mediamente dalle due alle quattro settimane, ed è di tipo topico. Solo nel caso di situazioni particolarmente resistenti si procede con trattamenti sistemici. Il ripristino dell'integrità cutanea avviene anche grazie alla riduzione/eliminazione di tutto ciò che può irritare la pelle; per questo motivo la scelta dell'abbigliamento è molto importante nel lichen simplex chronicus. Va evitato l’abbigliamento in lana e acrilico perché molto irritante. Tra i tessuti naturali, il più conosciuto e utilizzato in caso di affezioni cutanee è il cotone. Studi recenti, dimostrano però come le fibre corte del cotone possono essere irritanti: assorbono e cedono umidità con un tipico movimento a spirale che gratta la pelle a livello microscopico.

DermaSilk grazie alle sue caratteristiche di traspirabilità, morbidezza e protezione antimicrobica permette la riduzione in breve tempo di prurito e infiammazione, il controllo delle sovrainfezioni dovute a batteri, funghi e lieviti, evita la sudorazione, mantiene il giusto equilibrio idro-lipidico, favorisce la guarigione delle lesioni e la rigenerazione cutanea.

Consulta l'abstract dello studio Efficacia dell'intimo in fibroina di seta come strumento coadiuvante nel trattamento del Lichen Simplex Chronicus Vulvare: risultati di uno studio randomizzato in doppio cieco - (Corazza M, Borghi A, Minghetti S et al. Menopause 2015; Vol. 22, No. 8. Titolo originale "Effectiveness of silk fabric underwear as an adjuvant tool in the management of vulvar lichen simplex chronicus: results of a double-blind randomized controlled trial").

Nelle Linee Guida Europee 2016 per il trattamento delle patologie vulvari l'intimo Dermasilk viene citato nel trattamento del Lichen Simplex Chronicus perchè riduce l'uso di cortisoni topici "...Silk fabric underwear may reduce the need for topical corticosteroids..."

Le informazioni presenti in questo sito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del medico.