Bruciore intimo rimedi della nonna

Bruciore intimo: rimedi della nonna

Se si presentasse il tema "bruciore intimo:rimedi della nonna", ognuno di noi potrebbe portare almeno una soluzione, a volte anche bizzarra, che le nostre nonne hanno tramandato alle nostre mamme (e che poi hanno tramandato a noi) su come alleviare il bruciore vaginale e il prurito intimo esterno.

bruciore intimo rimedi della nonna

La prima "soluzione" che mi passa per la testa per il bruciore intimo esterno è l'aceto.
Una volta veniva utilizzato l'aceto bianco che, insieme all'acqua, aveva un'azione disinfettante sulle parti intime. Poi si passò all'aceto di mele conosciuto per le sue proprietà antibatteriche da utilizzarsi in presenza anche di una semplice infiammazione vaginale o irritazione intima.

Rimanendo sempre fra le cose che potete trovare in dispensa, per il bruciore e prurito intimo veniva anche consigliato di sciogliere del sale grosso nell'acqua... Certamente qualche beneficio al fastidio intimo lo porterà pure ma assolutamente da evitare in caso ci siano delle escoriazioni!

Sicuramente più delicati del sale, ci sono altri due ingredienti che disciolti in acqua sono d'aiuto per alleviare prurito e bruciore intimo: stiamo parlando dell'amido di riso e dell'avena. Entrambi vengono usati anche per fare il bagnetto ai bambini piccoli soprattutto se hanno la pelle delicata, possiamo pertanto utilizzarli per la detersione se abbiamo dei bruciori intimi.

Sempre per la detersione, un binomio sta prendendo sempre più piede: bicarbonato igiene intima. Considerato uno dei rimedi contro il prurito più "green", il bicarbonato viene utilizzato disciolto in acqua per il bruciore alla vagina.

Anche gli impacchi di camomilla sono una sorta di evergreen quando si parla di bruciori vulvari.

Passando ora a quei rimedi che difficilmente potremmo avere in casa, nelle erboristerie ma anche nelle farmacie troviamo molto facilmente la calendula e l'olio di borragine.
La calendula è venduta sottoforma sia di gocce che di crema, a voi scegiere quella che trovate più comoda. E' consigliata per l'irritazione vaginale e per il bruciore intimo femminile in genere.

L'olio di borragine si presenta invece come una perla da inserire in vagina ed espleta una funzione antinfiammatoria e lenitiva in caso di bruciori vaginali.

Mai sentito parlare di disbiosi? Si tratta di un'alterazione dell'equilibrio della flora intestinale dovuto ad una cura antibiotica, a particolari situazioni ormonali (gravidanza o menopausa), stress oppure una dieta sbagliata.
Per ripristinare la normale flora batterica sono consigliatissimi i fermenti lattici. I fermenti lattici per candida infatti son molto raccomandati e possono portar beneficio anche in altre situazioni di bruciore intimo interno (PS: esistono anche i fermenti lattici vaginali).

Abbiamo quindi visto come per il bruciore intimo rimedi della nonna ce ne sono anche se i rimedi della nonna sopra riportati non sono l'acqua di Lourdes e sarebbe bene attuarli con il benestare del proprio ginecologo onde evitare di peggiorare una situazione clinica da noi sottovalutata.
La consulenza medica è quasi d'obbligo nel caso di prurito intimo in gravidanza oppure in caso di forte bruciore intimo.