Vaginite: cause e sintomi. Come combattere le vulvovaginiti.

 Vaginite: definizione

È detta vaginite un'infiammazione della vagina con decorso di tipo acuto o cronico.
È possibile distinguere la vaginite in:
- vaginite primaria: se l'infiammazione ha origine nella vagina stessa;
- vaginite secondaria: se l'infiammazione ha invece origine in una sede vicina alla vagina.

Quando l'infiammazione si va ad estendere anche alla vulva si parla di vulvovaginite.


Sintomi della vaginite

I sintomi più comuni di questo tipo di infezioni sono: pruriti vaginali, disuria (difficoltà di minzione), dispareunia (dolore durante i rapporti), piccoli sanguinamenti al di fuori del periodo mestruale e secrezioni vaginali.

L'intimo DermaSilk combatte i sintomi delle più comuni vaginiti

L'intimo terapeutico in pura fibroina di seta con trattamento antimicrobico DermaSilk INTIMO (Linea Elite, Linea Classic) ha dimostrato di ridurre i sintomi delle più comuni vulvo-vaginiti. Studi clinici hanno dimostrato che l'intimo DermaSilk è in grado di ridurre in breve tempo sintomi come il prurito, il bruciore e il dolore.

 

SCOPRI L'INTIMO DERMASILK

 


Cause che possono condurre a una vulvo-vaginite

Le vulvo-vaginiti possono essere classificate a seconda della loro origine:
- vulvo-vaginiti di natura infettiva (tra le più comuni: Trichomonas Vaginalis, Gardnerella Vaginalis, Candida Albicans ecc...). Nelle vulvo-vaginiti di natura infettiva rientrano le vulvo-vaginiti micotiche e le vulvo-vaginiti batteriche;
- vulvovaginiti di natura non infettiva.


Vulvo-vaginite di natura infettiva: la vulvo-vaginite batterica
Le vulvo-vaginiti batteriche si presentano in genere o con perdite vaginali e irritazione cutanea esterna che si manifestano spesso in concomitanza a bruciore e edema, o senza perdite, ma con bruciore e secchezza delle piccole e grandi labbra. A seconda dell'agente batterico che le provoca si difeniscono: da Chlamydia Thrachomatis, da Neisseria Gonorrhoeae, da Treponema pallidum, da Haemophilus Ducreyi o da Calyunatobacterium Granulomatis.


Vulvo-vaginite di natura infettiva: la vulvo-vaginite micotica
L'agente maggiormente responsabile di questo tipo di vaginiti è la Candida (nell'80-89% dei casi la Candida Albicans). Si tratta di un'infezione che può classificarsi come asintomatica, acuta o recidivante. Si manifesta con prurito vaginale, perdite vaginali (dette "a ricotta") e bruciore.


Vulvo-vaginite di natura non infettiva
In questo caso si parla di una condizione infiammatoria cronica o con andamento di tipo cronico-recidivante. Questo tipo di vaginite si manifesta generalmente con prurito vaginale accompagnato da bruciore, perdite vaginali (leucorrea) e nei casi più gravi è presente anche l'edema (nei casi più gravi). Molto spesso cattive abitudini igieniche, rapporti in condizioni di poca lubrificazione, abbigliamento e biancheria intima che non consentono la giusta traspirazione e fattori di origine psicologica possono esporre ad un rischio maggiore di sviluppare questo tipo di vaginiti.



Le informazioni presenti in questo sito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del medico.